Ferrari subito aggressiva in ottica 2018

Siamo ormai quasi giunti alla fine di questa bellissima stagione, che ha visto trionfare per la 4 volta nella sua carriera Lewis Hamilton ed una Ferrari molto positiva. Se da una parte ormai le squadre si apprestano ad affrontare quest’ultimo Gran Premio e i successivi due giorni di test, dall’altra sono ormai già mesi che le scuderie stanno lavorando sul progetto della vettura del 2018.

POCHE RIVOLUZIONI

Come tutti sappiamo, il regolamento del prossimo anno non prevede grosse rivoluzioni se non l’introduzione del tanto discusso Halo, il divieto delle T-wing e l’abolizione del tanto usato monkey seat. Ultimamente si sta discutendo molto riguardo al futuro delle Power Unit a partire dal 2021 con numerosi riunioni dello Strategy Group, ma proprio nell’ultima riunione,  il Team Pricipal della Red Bull, Christian Horner, ha sollevato una questione molto importante chiedendo difatti l’aumento dell’utilizzo consentito del numero di Power Unit per il prossimo anno da 3 a 4.

La delegazione Ferrari era composta direttamente da Sergio Marchionne  e Maurizio Arrivabene, che tempestivamente hanno bocciato la proposta del team principal della Red Bull, a causa dei numerosi fondi che in Ferrari hanno già investito per progettare motori per la prossima stagione molto più affidabili. Senza l’unanimità raggiunta da tutti i team, secondo i rumors solo ferrari si è opposta, la modifica del regolamento tecnico non è potuta avvenire.

Insomma, si appresta ad essere un inverno di fuoco quello che ci attende, con molti team che chiederanno spiegazioni in merito a soluzioni tecniche per cercare di mettere il bastone tra le ruote alle altre scuderie, proprio in stile Simone Resta. La prima battaglia voluta dalla Ferrari è stata vinta dal team di Maranello, soltanto la pista però, potrà dirci se effettivamente è stata fatta la mossa giusta.

Vi siete persi lo speciale su Niki Lauda e le sue citazioni? Nessun problema, clicca qui