Gp Bahrain – Qualifiche: Allora non era un bluff, che Leclerc!

Non stavano bluffando questa volta. La Ferrari sta rinascendo dalle ceneri dell’Australia. 1-2 micidiale della rossa che piazza una prima fila meravigliosa con Leclerc in pole position e Vettel in 2° piazza a due decimi. Prima pole per il monegasco che alla sua seconda gara in Ferrari mostra già i muscoli e dimostra a tutti che le critiche verso di lui dopo il primo week-end in rosso a Melbourne, erano del tutto prive di fondamento.

Chi sta dietro?

Dietro ci sta la Mercedes. Anche questa volta per tutto il week-end a dire che la Ferrari fosse la più veloce e tutti si aspettavano l’ennesimo bluff da parte di Wolff & co. Invece questa volta avevano ragione. Sono dietro, più vicini di quanto visto nelle Pl ma comunque dietro. 3 decimi di ritardo per Hamilton, 4 decimi per Bottas. La macchina era decisamente nervosa e difficile da guidare oltre che più lenta sul dritto rispetto alla Ferrari.

La Red Bull sembra effettivamente un gambero. Dall’Australia al Bahrain, le cose sono cambiate in maniera drastica per la casa austriaca che ora si ritrova esattamente allo stesso punto dello scorso anno. Verstappen 5° con 8 decimi di ritardo dal poleman e con molta apprensione per alcuni problemi di affidabilità al motore Honda che gli hanno negato la possibilità di svolgere due tentativi in Q3. Non c’è fine alla crisi di Gasly invece. Il francese partirà dalla 13° casella, lamentandosi di un posteriore ingestibile in fase di accelerazione.

F1.5

Deludente la Renault che voleva dimostrarsi come prima forza della F1.5 ed invece si dimostra in difficoltà. Ricciardo ( 11° ) salva un po’ la giornata, già di per se negativa con la 17° posizione di Hulkenberg. Haas strabiliante, vera leader del gruppo di mezzo con un bravissimo Magnussen ( 6° ) ed un concreto Grosjean ( 8° ). In mezzo alle due Haas si è piazzato invece Carlos Sainz con un McLaren finalmente più competitiva e con lo spagnolo nettamente in crescita dopo il week-end negativo di Melbourne. Bene anche Norris ( 10° ) con la seconda volta su due gare in Q3. Raikkonen conclude la qualifica in 9° posizione in un week-end difficile per l’Alfa Romeo, salvando la baracca dopo l’eliminazione, sfortunata aggiungerei, di Giovinazzi, in Q1, per appena 50 millesimi.

Classifica finale dei primi 10 classificati.

Articolo scritto da VINCENZO FERRARA FACEBOOK INSTAGRAM