Pagelle del Gran Premio della Malesia 2017

Dopo aver mancato l’appuntamento con le pagelle del GP di Singapore (mi scuso ma sono stato impegnato all’estero), ecco a voi il pagellone dell’ultima edizione del Gran Premio di Malesia.

PAGELLE GRAN PREMIO DI MALESIA 2017:

M. VERSTAPPEN: Voto 10.

Ma quanto era felice papà Jos?
Il talentino olandese disputa una buona qualifica, piazzandosi 3º davanti al compagno di squadra e scherzando (rischiando molto) con Kimi nel post-qualifica. Alla partenza, non vedendo nessuna Ferrari nei paraggi, decide di non causare incidenti. Il buon passo Red Bull del Venerdì si riconferma in gara: Max prende Hamilton e lo passa alla grande in curva 1. Di lì in poi è costante e si prende i 25 punti. NO ROSSE= NO CRASH

L. HAMILTON: Voto 8,5.

Nonostante il soprannome “Mr. Culo” sia proprio di Daniel Ricciardo, il campione inglese sta rischiando di soffiarglielo. Diamo peró a Lewis ció che è di Lewis: grandissimo pole il Sabato, anche se con Vettel in gioco le cose sarebbero potute andare diversamente. In gara parte bene ma, dopo una noia al motore, perde un po’ di ritmo e viene passato da Verstappen. La Mercedes qui è inferiore alle avversarie: l’inglese peró riesce a chiudere secondo amministrando il vantaggio su quelli dietro.
Promette a Stroll di portarlo a figa, a patto che quest’ultimo butti fuori il rivale per il titolo. Dopo il podio scappa nel paddock: era da 5 ore che non postava nulla su Instagram. MR. ASS

 

D. RICCIARDO: Voto 8.

È sempre un po’ più lento del compagno di squadra, ma abbiamo trovato la motivazione: sta dedicando molto tempo ai corsi di italiano per cuccarsi la coppia Masolin-Sangiorgio, mettendo un po’ da parte gli allenamenti e il simulatore. In gara si comporta bene, chiudendo sul podio. Di nuovo. Grazie anche al solito culo. DEJA VU

 

S. VETTEL: Voto 9,5.

In FP3 ha problemi al motore: i meccanici sostituiscono la Power Unit in tempo record, ma evidentemente qualcosa non era a posto, obbligando il tedesco a partire dall’ultima fila. Confida nell’aiuto di Kimi e puntualmente quest’ultimo è costretto al ritiro prima della partenza. In gara è un susseguirsi di sorpassi: arriva addirittura ad insidiare Ricciardo, ma non riesce nel miracolo. Nel giro di rientro viene distrutto da Lance Stroll: il team radio di Seb è emblematico. Arrivabene non crede alla sfortuna, ma ormai è chiaro che la rivalità fra Vettel e la Dea Bendata è una cosa molto personale. RAGIONIER FANTOZZI

 

V. BOTTAS: Voto 6.

Il Finlandese suda. Troppo.
I nuovi aggiornamenti della Mercedes non portano gli effetti sperati: la vettura si trasforma incredibilmente in una Minardi.
Il buon Valtteri è sempre dietro e chiude 5º, addirittura dietro a Vettel partito ultimo. Ma non gli interessa assolutamente: il rinnovo è gia arrivato.

S. PEREZ: Voto 8,5.

Grande Checo!
Mercoledì scorso si è preso la malaria, ma ció non lo ha fermato. Ormai è da anni che tratta le gomme come una mamma tratta il neonato. Primo stint lunghissimo e grande costanza. Ringrazia Kimi per la rottura, evita casini, non si mena col compagno di squadra e si prende 8 punti d’oro da malato. STAKANOVISTA

S. VANDOORNE: Voto 8,5.

Quanto è bello Stoff?
In Malesia disputa il suo miglior weekend in carriera, chiudendo 7º. Nonostante il circuito di Sepang sia una “power track” e quindi dovrebbe mettere in seria difficoltà la Power Unit Honda, la McLaren si dimostra competitiva sia il Sabato che la Domenica. E poi Stoffel è 7º, mentre il suo compagno due volte campione del mondo chiude fuori dai punti. FERNANDO, STOFFEL IS FASTER THAN YOU

L. STROLL: Voto 7,5.

Messe da parte le cagate di inizio stagione, Lance si sta dimostrando un buon talento in proiezione futura. Lo vediamo lottare, forse per la prima volta, con cattiveria anche contro il compagno di squadra e la Williams porta a casa buoni punti. Ovviamente il lupo perde il pelo ma non il vizio: pagato da Hamilton, il giovane canadese da una ruotata a Vettel, constringendo quest’ultimo (quasi sicuramente) alla sostituzione del cambio. MERCENARIO

F. MASSA: Voto 7.

Il buon Felipe porta la modesta Williams di nuovo a punti. E fino a qua nulla di nuovo.
Ció che ci sorprende è il duello fra Stroll e il brasiliano, che vede quest’ultimo sconfitto. Ma siamo sicuri che Felipe vorrà insegnare ancora due o tre cosette al giovane compagno, magari già a Suzuka.

E. OCON: Voto 6,5.

Il contatto con Sainz gli costa alcune posizioni. Aveva pittato nei primi giri per andare lunghissimo e forse la strategia avrebbe pagato. Sfortunato (o forse eccesso di foga), riesce comunque a chiudere a punti. E a non fare a botte con Perez.

F. ALONSO: Voto 5.

Nando insufficiente????? Eh sì.
Per la prima volta in questa stagione se le prende dal compagno di squadra: rimane bloccato nel traffico e non arriva a punti. Non sportivo al massimo quando aspetta un paio di curve per far passare Alonso. Ma sappiamo che uomo sia Nando, perció gli avranno sicuramente promesso qualche figa in cambio di ció.

 

K. MAGNUSSEN: Voto 5,5.

Colpito al cuore dall’appiedamento del collega Kvyat, il buon Kevin decide di celebrarlo gareggiando in modalità “torpedo”. Si tocca con chiunque e non è un grosso problema finchè non decide di colpire il pilota sbagliato: Jolyon Palmer.
Di conseguenza, per noi la prestazione di Kevin è necessariamente insufficiente. IL NUOVO PASTOR?

R. GROSJEAN: Voto 5,5.

È tornato il caro vecchio Romain! Quello che si lamenta sempre, ma che a noi piace moltissimo. Brutta la sua prima parte di gara, ricuce un po’ nei giri finali, non riuscendo peró ad avvicinarsi alla zona punti.

 

P. GASLY: Voto 6.

Abbiamo avuto un piccolo assaggio del potenziale di questo ragazzo. Per essere il suo primo GP non è affatto male: va anche detto che deve fare i conti con una Toro Rosso non entusiasmante. Riesce comunque a chiudere davanti al compagno di squadr… ah no si è ritirato.

JOLYON “AYRTON” PALMER: Voto 7.

Il sabato sfiora la Q3 per un nulla.
La Renault fa un po’ di fatica qui, ma il nostro eroe riesce a stare attaccato al ben più considerato compagno di squadra per tutta la gara. Purtroppo per lui, l’incosciente Magnussen lo colpisce, mettendo fine ad ogni speranza di punti.
Jolyon è caduto, ma si rialzerà.

N. HÜLKENBERG: Voto 6.

Difficile valutare la gara di Nico. Naviga sempre attorno alla 10º/11º posizione fino a quando un problema non gli rovina la gara. Poco da dire.

P. WEHRLEIN: Voto 6.

Eroico il suo primo stint lunghissimo, durante il quale lo svernicia pure Charles Leclerc. Ma quando guidi una Ford Ka, è normale.

M. ERICSSON: Voto 6.

Come fai a non provare simpatia per i piloti Sauber?

C. SAINZ: S.V.

Weekend in linea per Carlos Sainz, che si trovava anche in una discreta posizione in gara; a sua insaputa peró, il team lo ha sabotato, ringraziandolo così per il passaggio in Renault. TEAM PERMALOSO

K. RAÏKKÖNEN: S.V.

Quando prendi un ragazzo sfortunato di suo ed a ció aggiungi il periodo sfortunato della sua squadra, ottieni Kimi. La pole gli sfugge di 45 millesimi. La speranza di riuscire a lottare per la vittoria si spegne ancora prima dell’inizio della gara. Si dice che alcune gocce di Absolut Vodka siano finite all’interno della Power Unit Ferrari, causando il guasto. LOURDES

 

 

Pagelle Malesia 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *